Cosa vedere a Silvi Marina

Storia e turismo

Il comune di Silvi Marina è situato nella regione Abruzzo in provincia di Teramo, e conta circa 16.000 abitanti. Anticamente la città si chiamava "Silva", in riferimento all'abbondanza di vegetazione nella zona. I primi insediamenti si hanno a partire dall'epoca romana con il Municipium di Atri, che dominò la città di Silvi sino al 1833. Lo sviluppo della Marina di Silvi cominciò solo a metà '800 con le numerose famiglie di pescatori. Il 28 giugno si celebra la festa patronale in onore di San Leone.

Da Visitare a Silvi Marina

Oltre alle bellissime spiagge di Silvi Marina si può passeggiare nel borgo medievale di Silvi Alta, che era l'antica Castrum Silvi. Da quì si può godere uno splendido panorama verso il Gran Sasso. Quì troviamo anche la Cattedrale di San Salvatore, dell'XI sec., con torre campanaria del '700 e affreschi del XII sec. Consigliamo inoltre un'escursione verso la costa dove si trovano alcune ville dell'800. Nelle colline è invece possibile ammirare ancora qualche pianta di liquirizia.

 

 Monumenti ed edifici storici 

L’Antico Porto di Adria, si trova proprio sotto la Torre del Cerrano, tra Silvi Marina e Pineto. Probabilmente di epoca antica, il porto in età romana aveva una posizione strategica essendo collocato in prossimità della via Cecilia, una diramazione della Salaria che collegava Roma con l’Adriatico. Il Porto si presenta ricco di reperti archeologici, dalla fornace, tombe, anfore e mosaici, rinvenute in località Colle Stella, Castelluccio e Colle Cretone nei pressi della Torre omonima; molti resti sono ancora oggi visibili sulla battigia. Torre di Cerrano La Torre di Cerrano indica e definisce il limite balneare di Silvi Marina. La torre, per secoli appartenuta a Silvi, era un'antica fortezza cinquecentesca, che serviva per difendere il ducato degli Acquaviva dall'invasione dei pirati Turchi e Saraceni. La costruzione originale risale al Cinquecento: è formata da un massiccio torrione a base quadrata in laterizio. Area Marina Protetta Torre Del Cerrano L’area marina Protetta Torre del Cerrano si trova tra i comuni di Silvi Marina e Pineto. Si estende fino a 3 miglia nautiche dalla costa e si sviluppa per 7 km dei quali 2,5 km di duna sabbiosa lungo la riva, dalla foce del torrente Calvano. Di grande importanza, la Pineta, che crea un microclima particolarmente favorevole durante la stagione estiva e che contiene all'interno anche elementi di alta valenza naturalistica. Pineto deve il suonome proprio alla Pineta. La varietà tipica è il Pino d’Aleppo.

 

chiesa-s-salvatore-silvi

Chiesa di San Salvatore

La Chiesa di San Salvatore è un edificio molto antico, costruito nel 1100 in onore del primo protettore di Silvi. Si trova nella zona di Silvi Alta, la parte storica del comune abruzzese. L'interno è in forme barocche e ad una navata: si segnalano in particolare il busto ligneo del protettore San Leone. Del passato medievale rimangono le due acquasantiere, realizzate con elementi di spoglio di un antico tempio romano, e il lacerto di affresco raffigurante molto probabilmente Santa Caterina d'Alessandria, della metà del Duecento.

 Silvi Alta

silvi-altaSilvi Alta è la parte più antica di Silvi Marina, ovvero il suo centro storico. Nasce nell'Alto Medioevo ed è stata fondata da alcuni pescatori, che si spostarono dalle coste in basso (l’attuale Silvi Marina), al colle soprastante per sfuggire e avere maggior difesa dagli attacchi dei Saraceni. Tra gli edifici di maggior pregiola Chiesa di San Salvatore e la Chiesa della Madonna dello Splendore. Si trova a 243 metri sul livello del mare.

silviMare Silvi è definita “la perla dell’Adriatico” per la sua unicità, che la contraddistingue dalle altre località situate sulla costa Adriatica. Situata ai piedi delle colline di Città Sant’Angelo ed Atri, Silvi è una stazione balneare, con un arenile lungo sei chilometri che parte dalla torre di Cerrano fino al Fiume Piomba. Come molte altre località abruzzesi che si affacciano sull’Adriatico gode di un mare con fondali bassi e sabbiosi. Adatta per un turismo familiare.

Utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza solo cookies tecnici. Per saperne di più